FERMA E SALDA COME UNA MONTAGNA

Se come me sei abituata a voler avere il controllo su tutto, ti capiterà senz’altro di sentirti destabilizzata e impotente, quando sono le tue emozioni a prendere il sopravvento.

Che cosa fare in questi casi? Grazie allo Yoga ho imparato che orientando la mia mente verso la percezione della stabilità fisica, posso ritrovare la stessa sensazione anche a livello psichico.

DA MANIA DEL CONTROLLO A SANA PIANIFICAZIONE

La tendenza a tenere tutto sotto controllo già lo sai, non stimola il rilassamento e a lungo andare può portare effetti negativi anche sulla tua fisiologia, prendi ad esempio la qualità del tuo sonno, anche se arrivi esausta e crolli appena tocchi il guanciale, se non impari a mollare le presa potrai dormire anche 10 ore filate, ma difficilmente ti alzerai riposata.

Perché continuerai a portare le forze Yang del giorno, dentro la notte, che è un momento Yin in cui è importante che la mente stacchi per rigenerarsi.

Mi dirai, ma come si fa a mollare il controllo? Non ti preoccupare, perché puoi trasformare la tua smania di controllo in una fantastica abilità di pianificazione e organizzazione, se non sai da dove partire ti lascio il link ai miei Consigli Magici che ti aiuteranno a pianificare le tue giornate partendo dal piacere, perché chi l’ha stabilito che il dovere viene prima di tutto?! E mica siamo nate per soffrire!!

Tutta via ci sono dei momenti nella vita in cui puoi trovarti a fronteggiare l’inimmaginabile e il tuo mondo si stravolge. Questa pandemia è un esempio pratico che rende piuttosto bene l’idea di ciò che intendo.

QUANDO LA VITA TI COGLIE ALLA SPROVVISTA

Come ti senti quando improvvisamente le tue certezze crollano? E’ in queste circostanze che le mie emozioni prendono il sopravvento e mi ritrovo dentro a una tempesta. Nella testa soffiano venti da ogni direzione; problema-soluzione, pro-contro, letture del pensiero e processi all’intenzione. Se come me in questi casi ti senti sopraffatta dal turbine emotivo, sai già che remare contro per riprendere il controllo degli eventi non ti porta a niente, così come cercare di ricacciare tutto giù da dove è venuto, nella parte più profonda di te. E allora che fare?

Praticando Yoga ho imparato a osservare.

IMPARARE A STARCI DENTRO

Così mi diceva la mia psicoterapeuta un po’ di anni fa “Elisa, scappare non ti porta a niente, impara a starci dentro, solo dando un nome alle tue emozioni potrai uscirne”. Non si tratta di autocommiserarsi o piangersi addosso, tantomeno di accettare passivamente l’amaro boccone da mandare giù. Il processo inizia scoperchiando il vaso di Pandora e dando ascoltando alle emozioni.

Come sempre la soluzione si trova all’interno. E’ PROPRIO LÌ CHE HAI IL POTERE DI AGIRE.

IL POTERE D’AZIONE È ALl’INTERNO

Questo mi insegna lo Hatha Yoga. Lasciare la presa sulla situazione esterna e concentrarsi su cosa sta accadendo all’interno. Ascolta come ti senti e domandati come invece vorresti sentirti.

Vuoi tornare a percepirti sicura di te, stabile e forte? Ok ci vuole un piano d’azione …. e io ho quello che fa per te

IL POTENTE MEZZO DELLO YOGA

Stabilito qual è il risultato che vuoi ottenere, non ti resta che decidere come ottenerlo attraverso la tua pratica. Quando ho bisogno di ritrovare stabilità, sicurezza e forza c’è una posizione in particolare che mi aiuta a realizzare queste condizioni interne: Tadasana, LA MONTAGNA.

Questa posizione ti permette di creare le condizioni per percepire una solida base da cui poter prendere lo slancio per elevarti verso l’alto con leggerezza.Tuttavia quando la mente è troppo destabilizzata dall’emotivo è difficile trovare la forza di concentrarsi e creare subito le condizioni per percepire l’effetto di una posizione.

Occorre procedere per gradi.

Primo step il respiro

Povero respiro vessato dalle emozioni. Puoi liberarlo eseguendo qualche purificazione respiratoria e vedrai che ti sentirai già meglio, il nodo che attanaglia lo stomaco inizia a sciogliersi, ma se ancora senti che non è abbastanza, continua a lavorare sul respiro fino a che sarà finalmente lui a occuparsi di te. Fluidamente e con ritmo regolare percepiscilo muovere dolcemente il tuo corpo e cullare la tua mente, che attratta da tutto quel benessere si concentra sempre di più su ciò che accade al tuo interno.

Approfondisci la tua interiorizzazione

Adesso che il respiro può muoversi liberamente e che hai catturato l’attenzione della mente, non ti resta che continuare a lavorare per andare a incarnare Tadasana, perché ti aiuti nel tuo intento.

Prepara bene la tua base d’appoggio cercando di approfondire la percezione di radicamento e usa la sensazione dell’appoggio per percepire la spinta che ti permette di elevarti con leggerezza.

Ci sei quasi

La mente è attenta, ma avrai bisogno di utilizzare la tua immaginazione creativa, per questo dovrai essere certa che niente disturbi la tua concentrazione. Scegli un esercizio che ti aiuti a liberare lo spazio della tua coscienza dalle pippe mentali residue e a mantenere una forte intenzione. Poi In posizione eretta con le braccia lungo il tronco preparati a dare vita a TADASANA, a diventare LA MONTAGNA.

Diventa la tua Montagna

Richiama l’immagine di una montagna che sia evocativa della potenza di cui vuoi impregnarti.

Io scelgo sempre il Monte Fuji perché mii trasmette un senso di sicurezza e maestosità, ma anche di pace e libertà. Si staglia forte verso l’alto fondandosi sulla sua base ampia e forte.

Ma tu scegli la TUA MONTAGNA SPECIALE.

A questo punto identifica la tua base d’appoggio con quella della tua montagna, percepiscila grande, stabile e forte. Senti che il tuo corpo diventa denso, concreto, massiccio fino a divenire granitico.

Adesso sei solida e forte come una roccia, immobile sotto il sole, la pioggia o il vento. Immagina che la cima candida della montagna sia la tua testa, la neve bianca e fresca ti isola dall’esterno e e puoi immergerti sempre più nel mio mondo interiore per imprimere nel profondo le mie sensazioni di sicurezza, stabilità e leggerezza.

Ce l’hai fatta!!

Al termine osserva gli effetti del tuo lavoro interiore. Le sensazioni di forza e stabilità si sono impresse anche nella psiche, ti senti fiera e invincibile. Il respiro adesso è profondo, sottile e appagante. Lo senti arrivare ovunque. Il corpo ha ritrovato il suo vigore e la sua vitalità. La mente è di nuovo libera e brillante.

Sei pronta per riaprirti all’esterno, senza paura perché adesso sei fondata su una base solida, sei salda in te stessa e fiera di aver vinto anche questa battaglia.

Anche oggi lo Yoga ha funzionato, TU LO HAI FATTO FUNZIONARE!!

Comments:

Your comment...NameE-mail

Leave a reply